UNA SCELTA BASICA

IL MIGLIOR MODO PER CELEBRARE IL 2 GIUGNO

NESSUNA BASE PER LA GUERRA NE’ A COLTANO NE’ ALTROVE.

REPORTAGE DI NILO DI MODICA

L’intervento di Elena Mazzoni

ASCOLTA QUI: Elena-Mazzoni

È molto bello oggi, in questa data così significativa, la 76ª festa della repubblica nata dalla resistenza partigiana al fascismo, essere tutte e tutti insieme, a camminare riappropriandoci dei luoghi e della natura.

meno bello è il motivo per cui siamo venute e venuti qui in tante e tanti da tutt’italia: difendere 73 ha di territorio di un parco naturale dal progetto folle e bellicista che vuole la costruzione di una nuova base militare.

Un progetto deciso nelle segrete stanze, sottaciuto ed avallato dalle amministrazioni locali, senza distinzione di colore, dalla lega di pisa al pd fiorentino quello con l’elmetto in testa, quello che vi chiede e ci chiedi di essere votato per arginare le destre da cui in nulla si discosta.

E ringrazio le compagne e compagni di pisa, il consigliere comunale Ciccio Auletta il comitato permanente Coltano, le pacifiste ed i pacifisti le ambientaliste e gli ambientalisti, che hanno portato questo scempio alla luce.
190 milioni di soldi pubblici ancora non è ben chiaro se saranno presi del pnrr, che serve per la transizione ecologica, o dalla cassa sviluppo coesione e nessuna delle 3 ipotesi più grave dell’altra.

Quello che è invece è grave è che 190 milioni di soldi pubblici verranno spesi
Non per la sanità, durante una pandemia.
Non per la sostenibilità energetica e per contenere i costi delle bollette.
Non per la scuola, che crea i cittadini e le cittadine del futuro.
Non per le infrastrutture, di un Paese fermo agli anni 70 del secolo scorso.
Non per sostenere i salari e chi è annichilito dalla crisi.
No.
Per la guerra. La morte. La distruzione. La forza. La violenza.

Ed in questo giorno in cui corre anche il settantaseiesimo anniversario del primo voto delle donne in Italia, voglio chiudere ricordando insieme a tutte e tutti voi, la nostra compagna e partigiana Lidia Menapace.
Se fosse stata viva oggi Lidia avrebbe marciato con noi, per difendere il parco, lei che ci ha insegnato a fare feste e picnic nei parchi pubblici il 2 giugno, per riprenderci la repubblica ma soprattutto ci ha insegnato che l’unico posto per le armi e la guerra è fuori dalla storia.
NESSUNA BASE PER QUESTA GUERRA NE’ A COLTANO NE’ ALTROVE.

ASCOLTA LE VOCI CHE VENGONO DA COLTANO:

Alessandro-Spinelli Auletta-1 Auletta-2 intervista-Coltano INTERVISTA-Coltano-GESUALDI

FUORI LA GUERRA DALLA STORIA!

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.